Contatti: info@perstarbene.it - 0571 580347

NEWS ED EVENTI

OpenDAY Danza per StarBene

24 Settembre 2020

danza per starbene

Lunedi 12 Ottobre, presso StarBene in via Catalani 28/30 LOC.Bassa Cerreto Guidi, sarà possibile assistere ad una lezione di prova gratuita e conoscere gli insegnanti dei corsi di :

  • Danza Espressiva ( per Adulti ) ore 14
  • Propedeutica alla Danza ( per i bimbi 4-6 anni ) ore 17
  • Danza Moderna ( per i bambini 7-10 anni) ore 18
  • Danza Moderna e Contemporanea ( per i ragazzi  11-14 anni)  ore 15.30

    SDS Simon Dance Studio, rinomata scuola di danza che vanta riconoscimenti prestigiosi per i propri allievi, inizierà una collaborazione con StarBene SRL.

    L’intenzione è quella di far sposare l’arte con la salute. La disciplina della danza apporta molteplici benefici alla salute e presso StarBene potrà appoggiarsi al Team multidisciplinare in campo medico-riabilitativo distintivo del nostro centro.

    I corsi che SDS ha deciso di organizzare presso StarBene avranno quindi le fondamenta di una solida e prestigiosa scuola di danza e l’impronta dell’attenzione al benessere e alla salute tipico di StarBene.

    Di seguito la descrizione dei corsi:

    Propedeutica alla Danza (4-6 anni) Lunedì e Giovedì 17.00/18.00
    Il corso di danza è creato per i più piccoli, sviluppa l’immaginazione del bambino e la propria abilità. Fra girotondi e percorsi di tutti i tipi, e sempre accompagnati dalla musica, i bambini iniziano a ballare. Primo approccio ai fondamenti della danza classica,  armonizzazione della postura, sviluppo della concentrazione e del senso di disciplina, sviluppo dell’estroversione motoria, ricerca del ritmo, coordinazione.

    Danza Moderna (7-10 anni) Lunedì e Giovedì 18.00/19.00
    La danza moderna è una forma di ballo che parte dalla ricerca di “libertà” preferisce esprimersi con movimenti lineari, evidenziando il carattere e la personalità del ballerino, a partire dalla sua gestualità naturale. Il corpo si muove spinto dalla voglia di ritrovare un rapporto con il tempo e con lo spazio, rispettando comunque certi canoni tecnici e espressivi. Non bisogna comunque pensare che la danza moderna non segua delle regole o non abbia la sua tecnica.
    La danza classica segue il ritmo e la musica; in quella moderna non necessariamente avviene così e la coreografia viene pensata ed eseguita anche senza musica: il ballerino pertanto deve seguire il ritmo interno del proprio corpo.

    Danza Contemporanea (11-14) Lunedì e Giovedì 15.30/16.30
    La danza Contemporanea include diverse tecniche come il lavoro sul pavimento, la caduta, il recupero e l’improvvisazione. Rientra nelle nuove arti sceniche contemporanee e il suo obiettivo è quello di prendere le distanze dalla formalità e dalla rigidità dei canoni classici del balletto per ritornare alla sua funzione essenziale, ovvero, comunicare ed esprimere.
    La comunicazione espressiva avviene attraverso una danza libera da costrizioni e codificazioni. La danza contemporanea si base sui concetti universali di spazio, tempo, linee e curve e la sua lingua di espressione sono i segnali lanciati dal corpo.

    Danza Espressiva (adulti) Lunedì e Giovedì 14.00/15.00
    Una storia cinese narra di un millepiedi ridotto all’immobilità, e morto di fame, perché gli era stato ordinato di muoversi sempre prima con la settantottesima zampa e poi con le altre, seguendo un ordine stabilito.
    Questa storia viene spesso citata per mettere in guardia dal presuntuoso tentativo di dare una spiegazione razionale del movimento. Secondo Rudolf Laban “la perfezione e il dominio finale del movimento è la comprensione di quella parte della vita interiore dell’uomo da cui hanno origine il movimento e l’azione. Questa comprensione favorisce il flusso spontaneo del movimento e ne garantisce l’efficacia dinamica. L’impulso interiore che spinge l’uomo a muoversi deve essere assimilato all’acquisizione dell’abilità motoria esteriore.”

    L’essere umano si muove per soddisfare un bisogno. Attraverso il movimento, tende a qualcosa che ha per lui un valore. È facile intuire lo scopo del movimento di un individuo se è rivolto ad un oggetto tangibile, ma esistono anche valori intangibili che spingono al movimento. La Danza Espressiva è una disciplina che mira al recupero dell’ascolto profondo del corpo e allo sviluppo delle sue potenzialità espressive e creative; attraverso una  maggiore coscienza di sé stimola un modo più autentico di essere, una maggiore stima di sé, un migliore rapporto con il mondo e gli altri, un maggior equilibrio interiore.

    La danza attiva le potenzialità del nostro corpo che ha straordinarie risorse di vitalità e di equilibrio se gli dedichiamo l’attenzione che merita.

    Danziamo seguendo un percorso di danza libera in cui ognuno sperimenta le personali capacità espressive e la propria ricerca del movimento, una ricerca che apre ad una nuova conoscenza di noi.

    In questo percorso il rafforzamento di noi stessi ci permette di aprirci alla relazione con l’altro, ci permette di accogliere, di fidarci, di ridere, di giocare e di armonizzarci, guidati dalla sequenza di musiche selezionate per ogni incontro.

    Si imparerà a prendere confidenza con il proprio corpo.
    Un percorso nel movimento delle diverse parti del corpo che aiuta, attraverso la danza, la coordinazione spontanea ed armonica.
    Verranno stimolate le proprie emozioni.
    Ogni emozione o stato d’animo corrisponde infatti a posture e movimenti del corpo e, attraverso la danza, possiamo imparare a riconoscerne ed esprimerne il linguaggio.

    Il corso è aperto a tutti e naturalmente non occorre saper danzare.

Tutti i corsi sono svolti da insegnanti di comprovata professionalità e di grande competenza sia nella didattica che nell’approccio educativo e relazionale. Ogni corso si inserisce all’interno di un percorso artistico: un’evoluzione che mira a guidare la persona nelle varie fasi della crescita, a partire dalla prima infanzia. 

I Corsi si tengono presso la sala 3 dell’area Active di StarBene, spaziosa , luminosa , dotata di specchi , parquet e spalliere .

     

Fascite plantare: cos’è, come curarla

1 Luglio 2020

Per fascite plantare si intende un insieme di sintomi che hanno carattere soprattutto doloroso che coinvolgono la fascia plantare. Tra le cause non traumatiche che comportano un dolore al piede è tra le più diffuse.

Una ricerca eseguita negli Stati Uniti evidenzia che la fascite plantare colpisce il 10% delle persone almeno una volta nella loro vita. L’83% di queste persone sono soggetti attivi ed hanno un’età compresa tra i 25 e i 65 anni.

La fascite plantare costituisce la causa di infortunio di circa il 10% dei podisti, ed ha un’incidenza maggiore negli sportivi che praticano un’attività in cui il piede subisce delle sollecitazioni prolungate nel tempo.

Cos’è la fascia plantare:

 

Prima di individuare il trattamento conservativo migliore per risolvere questa problematica, è opportuno dare un’occhiata all’anatomia.

La fascia plantare è un apronevrosi che si divide in tre parti: intermedia laterale e mediale e va a ricoprire tre gruppi muscolari della pianta del piede. La parte intermedia (o centrale)  è triangolare e va dalla tuberosità del calcagno fino alle articolazioni metatarso falange. La parte laterale e mediale dell’ apronevrosi plantare vanno a completare la parte intermedia o centrale e sono più profonde.

La sua funzione primaria è quella di stabilizzare e sorreggere l’arco plantare longitudinale. Uno studio ha stimato che la fascia plantare venga sollecitata con una forza pari fino al 14% del peso totale che riceve il piede. Durante il cammino la fascia plantare ha un ruolo fondamentale in quanto si connette alle fibre del tendine d’Achille. Quando le articolazioni metatarso-falangee si estendono durante il passo, si crea una tensione sulla fascia che comporta un avvicinamento del calcagno alle teste metatarsali, con conseguente aumento dell’arco longitudinale del piede. Le cause che portano all’infiammazione della fascia plantare non sono del tutto chiare, ma sicuramente sono multifattoriali.

Le cause della fascite plantare:

  • un indice di massa elevato( presente nel 70%dei soggetti affetti da fasciate plantare)
  • la presenza di una spina calcaneare ( presente in circa il 50% dei pazienti affetti da fascite plantare) 
  • l’eccessiva pronazione del piede ( presente tra l’81 e l’86% dei pazienti con fascite plantare) 
  • l’età, che contribuisce ad assottigliare il tessuto adiposo subcalcaneare ed aumenta la possibilità di formazione di spine calcaneari 
  • alterazioni morfologiche come il piede piatto o il piede cavo
  • spina calcaneale /sperone calcaneale

Tutti questi fattori se presenti singolarmente o contemporaneamente, possono causare un sovraccarico patologico ai danni della fascia plantare.

Vari studi sono concordi nell’ identificare come causa primaria l’incapacità del piede di gestire funzionalmente il carico durante il cammino e la continua sollecitazione delle strutture in un meccanismo biomeccanico alterato che potrebbero portare a delle micro-lesioni a livello tissutale, aumentando di fatto il rischio di sviluppare la fascite plantare.

La cura conservativa:

Stretching

numerosi studi mostrano dei risultati positivi sia a breve che a lungo termine per quelle persone che vengono sottoposte a un trattamento mirato di esercizi di allungamento sia della catena maestra muscolare posteriore, sia localmente a livello della fascia plantare.

Tape e bendaggi

 il bendaggio può restituire un po’ di sollievo al dolore dato dalla fascite plantare nell’immediato e può coadiuvare i trattamenti associati come stretching e terapie fisiche antinfiammatorie.

 

 

 

 

 

 

 

 

Terapia manuale:

Con la terapia manuale si riesce ad intervenire su dei punti dolorosi detti Trigger point e inoltre si riesce a ristabilire determinati equilibri fasciali fondamentali per il corretto funzionamento biomeccanico delle strutture del piede.

 

Terapia antinfiammatoria strumentale : onde d’urto focalizzate

Sebbene questo tipo di terapia abbia un risultato maggiore nelle fasciti plantari croniche, sì è osservato buoni risultati anche nelle situazioni acute. Il grande vantaggio di questa terapia è che può essere effettuata una sola volta a settimana e si praticano al massimo 4/5 sedute. L’effetto antidolorifico è immediato, anche se in itinere durante il trattamento si possono avere alti e bassi. A distanza di un mese dal trattamento sì osservano gli effettivi risultati positivi.

Ortesi plantare

Questa soluzione deve essere adottata quando si rilevi un’alterazione morfologica strutturale o funzionale a livello del piede. Sarà lo specialista Posturologo insieme allo specialista Podologo che ne possono valutare la necessità. In questo caso lo specialista Podologo struttura un ortesi plantare che va a migliorare la distribuzione dei carichi a livello del piede, andando a migliorare anche la sintomatologia della fascia plantare.

Rieducazione funzionale

Qualora la problematica tipica sia stata individuata nella funzionalità biomeccanica del piede, sarà importante una volta risolta la parte infiammatoria e di dolore, integrare il trattamento riabilitativo con una rieducazione funzionale del passo.

In linea generale per la nostra esperienza si è notato che è preferibile sottoporre un paziente in fase acuta ad un programma di stretching della fascia plantare e ad un trattamento posturale per il riequilibrio delle catene muscolari. Questo tipo di trattamento può essere associato a dei bendaggi funzionali e a degli esercizi di miglioramento funzionale della meccanica del passo, oltre che a tecniche di terapia manuale.

In caso di cronicità della patologia, oppure di insuccesso con le terapie precedenti, le onde d’urto focali possono rappresentare una valida metodica per la risoluzione definitiva del problema.

Un Team specializzato di professionisti della salute è la soluzione per risolvere la fascite plantare che può apparire una banale infiammazione , ma che invece, come abbiamo visto, se non viene ben inquadrata e gestita può non risolversi e peggiorare , provocando anche nel tempo dolore ad altre articolazioni come ginocchio o anca . Infatti se camminando si ha dolore, si instaurano dei processi di compenso per cercare di sentire meno dolore, e si finisce per complicare il quadro clinico.

 

  • Vuoi saperne di più?

    Contattaci senza impegno, i nostri operatori sono disponibili per qualunque informazione

    info@perstarbene.it Tel 0571 580347
  • Web Designer Alessio Piazzini Creazione Siti Web Firenze